Sottrazione di minorenni:  tutto quello che devi fare

Sottrazione di minorenni: tutto quello che devi fare

In questo articolo affrontiamo il tema della sottrazione di minorenni, andando a vedere che cosa si intende con questo termine, quali sono le fattispecie che rientrano sotto tale terminologia e quali conseguenze prevede questo reato.

Leggi l’articolo per scoprire tutto quello che è importante sapere sulla sottrazione di minorenni.

Sei vittima di Sottrazione di minorenne
e hai bisogno di essere aiutato?

Leggi anche gli articoli: Violazione degli obblighi di assistenza familiare; Stalking; False accuse di Stalking.

Sottrazione di minorenni: le 2 tipologie

Il Codice penale distingue due tipi di sottrazione di minorenni. 

  • Quella consensuale, prevista e punita dall’art. 573 c.p.
  • quella, definita più genericamente dall’art. 574 c.p.: “sottrazione di persone incapaci”.

In realtà si tratta di norme che si fondano su presupposti ben diversi.

Se infatti in entrambe le fattispecie la sottrazione o la ritenzione del minore e/o della persona incapace avviene contro la volontà di chi eserciti la responsabilità genitoriale o la tutela, la sottrazione consensuale di minorenne prevede che il minore abbia già compiuto i 14 anni e che abbia liberamente prestato il proprio consenso rispetto all’atto di sottrazione.

L’art. 574 c.p. invece, non tutela soltanto il minorenni ma tutte le persone incapaci. Altro elemento distintivo rispetto alla sottrazione consensuale di minorenne è che il bambino non deve avere ancora compiuto i 14 anni di età. TALE aspetto è fondamentale. Il legislatore infatti presume in via assoluta l’incapacità del minore o dell’incapace ad esprimere un valido consenso alla sottrazione, attesa la mancanza della capacità valutativa.

Sei vittima di Sottrazione di minorenne
e hai bisogno di essere aiutato?

Leggi anche: Molestie sessuali sul lavoro: come difenderti dall’accusa; Querela per maltrattamenti in famiglia fac simile.

Le pene previste

La maggiore severità della pena( reclusione da uno a tre anni ), prevista dall’art. 574 c.p. per la sottrazione di persone incapaci, rispetto alla sottrazione consensuale di minorenni (reclusione fino a due anni), prevista dall’art. 573 c.p., si spiega con la maggiore pericolosità dell’autore del reato che interagisce con soggetti incapaci di esprimere un valido consenso.

I beni tutelati giuridici dalle due norme sono invece i medesimi:

  • l’integrità psico-fisica del minore o dell’incapace
  • l’esercizio della responsabilità del genitore e del tutore.  

Ma in cosa consiste la condotta punita dalle due norme? Cosa è la sottrazione?

Ebbene vi è sottrazione ogniqualvolta il minore o l’incapace, contro la volontà di chi se ne occupa, vengono prelevati e condotti in un altro luogo.

La norma tuttavia punisce anche la c.d. ritenzione che si consuma tutte le volte in cui i minore o l’incapace, vengono trattenuti illegittimamente nel luogo in cui si trovano legittimamente.

Quanto all’elemento soggettivo. Il reato si configura solo quanto l’autore del fatto sia a conoscenza del’esistenza della conaria volontà dei genitori. Il delitto in questione è pertanto escluso quando costui agisca nell’erronea convinzione che i genitori o il tutore acconsentano alla sottrazione o alla ritenzione.

Hai bisogno di un avvocato esperto in reati di Sottrazioni di minori?

Sottrazione di minorenni in ambito familiare. Quando si verifica?

Risponde del reato in questione, il genitore che, senza il consenso dell’atro, porti via con sé il figlio minore, allontanandolo dal domicilio stabilito o comunque lo trattenga presso di sé, quando tale condotta  – realizzata con la volontà di sottrarre il figlio minore contro la volontà dell’altro genitore – determini un impedimento all’esercizio delle diverse manifestazioni della responsabilità dell’altro genitore, come:

  • le attività di assistenza e di cura,
  • la vicinanza affettiva
  • la funzione educativa.

Allo stesso modo risponde di sottrazione di persona minorenne, il genitore separato, non collocatario, che alla scadenza del periodo in cui gli era consentito di tenere il figlio minore presso di sé, non riaccompagni quest’ultimo presso l’ residenza dell’altro genitore ove il minore è stato collocato dal Tribunale e addirittura lo trasferisca in un paese straniero.

In tal modo infatti si determina una globale sottrazione del minore alla vigilanza del genitore affidatario, che impedisce a quest’ultimo, non solo la funzione educativa e i poteri insiti nell’affidamento, ma persino l’esercizio dei  compiti che l’ordinamento giuridico impone al genitore, nell’interesse del minore e della società. 

Sottrazione o trattenimento di minore all’estero (art. 574 bis c.p.)

La condotta richiesta ai fini della consumazione del reato in questione, è la stessa prevista per le fattispecie sopra indicate; l’elemento specializzante rispetto a tali disposizioni consiste nella circostanza che il trattenimento o il trasferimento avvenga all’estero.

Per tale reato è prevista la pena della reclusione da uno a quattro anni; se la vittima è un minore consenziente, che abbia compiuto gli anni 14 , è invece prevista la reclusione da sei mesi a tre anni; la pena accessoria in tali casi è la sospensione della responsabilità genitoriale.

L’importanza di rivolgersi ad un Avvocato esperto in Reati di Sottrazione di Minorenni?

Il fenomeno della Sottrazione di minorenni è reale ed è fondamentale che ciascun genitore goda dei propri diritti.

E’ proprio qui che entra in gioco la figura di un Avvocato competente in tema di Sottrazione di minorenni che sappia capire se vi sono le basi per una tale accusa e agisca di conseguenza, tutelando il genitore che ha subito la sottrazione del proprio figlio.

Ti ritrovi in questa situazione?
Sei vittima di Sottrazione di minori e hai bisogno di essere difeso?

Conclusioni

La Sottrazione di minorenni configura un reato molto grave e chi ne è vittima deve muoversi il prima possibile e nel miglior modo possibile per far valere i propri diritti!

Nei miei anni di lavoro ho assistito tantissime persone che erano vittime di sottrazione di minori, maltrattamenti in famiglia o violenza riuscendo ad aiutarli concretamente.

La prossima persona da aiutare potresti essere tu!


Leggi anche gli articoli: Maltrattamenti psicologici in famiglia; Violenza assistita; Violenza assistita bambini.

Commenti Facebook